LAVORO E LEGALITA’, UN IMPEGNO CHE CI PRENDIAMO 365 GIORNI L’ANNO

Grande partecipazione all’assemblea pubblica di #Assolavoro a Roma, ospitata nella sala conferenze del Palazzo Montemartini. Lavoro e legalità al centro di un dibattito che ha sollevato interessanti spunti di riflessione su come operare e collaborare  per contrastare il lavoro irregolare e promuovere un’occupazione tutelata. Tra i relatori, anche Patrizia Fulgoni Presidente Life in S.p.a. in qualità di Vice Presidente Assolavoro con delega alla lotta alle forme di lavoro spurie.

Patrizia Fulgoni Vice Presidente Assolavoro durante il suo intervento

Si è da poco conclusa l’assemblea pubblica FONDATA SUL LAVORO. LEGALE indetta da Assolavoro, che promette un impegno 365 giorni l’anno nella lotta al lavoro nero. Tra i relatori intervenuti Patrizia Fulgoni Presidente Life in S.p.a.  e  Vice Presidente Assolavoro con delega alla lotta alle forme di lavoro spurie:

Chi opera sui mercati violando le regole, sfruttando i lavoratori attraverso il loro impiego in nero, irregolare, vestendo di collaborazioni quelli che sono veri e propri contratti di lavoro dipendente, sono i peggiori nemici non solo delle persone che vengono mal pagate e non tutelate, ma anche dell’intera società oltreché delle Agenzie per il Lavoro. A tal proposito, particolarmente odioso è il fenomeno delle cooperative spurie per una serie di motivi: nascono sotto capitalizzate con formule societarie non garantiste, spesso non pagano i debiti contributivi e fiscali, retribuiscono i dipendenti con un sistema al limite della regolarità, e spariscono prima di dover rendere conto degli obblighi non assolti nei confronti sia dei dipendenti che degli enti previdenziali. In questo modo trasferiscono l’onere alle aziende utilizzatrici che sono obbligate in solido.

E’ chiaro che l’effetto prodotto è quello di fare concorrenza sleale a chi sul mercato lavora secondo un quadro di valori che dovrebbe essere condiviso da tutti, toglie diritti, tutele, prospettive a chi lavora e sporca un concetto di grande valore sociale, come può essere quello della cooperazione. Lo stesso meccanismo è prodotto dalle società esterovestite che, a causa della legislazione europea, possono operare sul territorio nazionale con regole molto meno stringenti rispetto ai requisiti minimi richiesti alle Agenzie per il lavoro italiane, creando dumping e mettendo in difficoltà gli operatori che rispettano le regole, dando vita ad un inaccettabile concorrenza al ribasso. 

Per questa ragione occorre fare fronte comune tra tutti gli attori sani affinché gli “anticorpi” tengano ai margini, espellano, quegli operatori, se così vogliamo definirli, che così si muovono e che continuano a muoversi sui mercati.

L’auspicio è quello di un cambio di rotta anche sul piano legislativo intervenendo su recenti provvedimenti che hanno colpito l’occupazione legale, tutelata, con tutti i diritti del lavoro dipendente, che ha il solo limite di non prevedere tutti contratti a tempo indeterminato per tutti continuativamente, ma di rispondere alle esigenze di flessibilità del mondo contemporaneo.

Poco, nulla, è stato fatto per arginare il lavoro illegale e le sue tante manifestazioni laddove un piano contro il lavoro irregolare, contro il sommerso e a favore del lavoro legale avrebbe determinato vantaggi per tutti.

I risultati sono chiari e inconfutabili, è mancata l’umiltà di prevedere che un intervento legislativo di questa natura meritasse, in ogni caso, comunque un monitoraggio a sei mesi, a nove mesi e interventi correttivi conseguenti.

Qualcuno sosteneva che “occorre sempre sperare che si rinsavisca e contemporaneamente lavorare come se questo potesse anche non capitare mai”.

Le Agenzie per il Lavoro proseguiranno lungo la loro strada, per il lavoro, per la legalità e come detto nel video, anticipando il futuro, con chi vorrà starci.

 

DECRETO DIGNITA’: Gli effetti sul mercato del lavoro

Decreto Dignità. A Catania il convegno organizzato da Life In S.p.A. rivolto alle aziende del Territorio per fare il punto della situazione dopo l’entrata in vigore della nuova normativa.

Si terrà venerdì 12 ottobre 2018 a Catania, l’incontro gratuito promosso da Life In Spa – Agenzia per il Lavoro, dal titolo “DECRETO DIGNITÀ: GLI EFFETTI SUL MERCATO DEL LAVORO”.
L’appuntamento è per le ore 9:00 nella Sala Conferenze del Plaza Hotel di Catania, Viale Ruggero di Lauria, 43.

L’incontro, rivolto principalmente alle aziende ha come obiettivo quello di fornire un quadro chiaro, concreto e operativo, sulle novità introdotte a seguito dell’entrata in vigore del Decreto Dignità.
Ad aprire i lavori, dopo la registrazione dei partecipanti, saranno alle ore 9:30 Patrizia Fulgoni – Presidente Life in Spa e Vicepresidente Assolavoro, Coralba Tornabene – Presidente AGCL di Catania e Simona Spadaro – Presidente UGDCEC di Catania.

Alle ore 10:00 è previsto l’intervento dell’Avvocato Giovanni Bertola – Socio AGI – Avvocati Giuslavoristi Italiani, a seguire, alle ore 11:30, quello di Roberta Raffaglio, Direttore del Personale Life in Spa.
Dalle 12:00 seguirà una tavola rotonda alla presenza di Matilde Cifali – Vicepres. Giovani Imprenditori Confcommercio Catania, Gianluca Costanzo – Vicepres. Giovani Confindustria Sicilia e Loredana Gallia – Membro Collegio Probiviri UGDCEC Catania. Una sessione dedicata al confronto in cui sarà dato spazio a tutti i partecipanti di intervenire e fare domande.

I lavori si chiuderanno per le ore 13:00 circa.
Nel corso della mattinata verranno analizzati gli effetti del Decreto Dignità sul mercato del lavoro, e fornite importanti indicazioni per l’attuazione della nuova normativa che ha inciso in maniera signi cativa sulla regolamentazione del contratto a tempo determinato e sulla somministrazione del lavoro.

PER INFORMAZIONI:

RIF. Giuseppe Didomenico
Responsabile commerciale LIFE IN SPA Filiale di Catania
Viale Artale Alagona 27 M/N/O 95126 Catania
Mob: 347 3066509
Tel: 095 8313107
Mail: didomenico@lifein.it