VUOI SVILUPPARE UN PIANO DI WELFARE AZIENDALE? Ora ci pensa LIFE IN

Life in S.p.a. presenta il nuovo servizio in ambito Welfare, che include la possibilità di sviluppare un Piano Welfare Aziendale e progetti di Benessere Organizzativo grazie alla piattaforma Happily.

PIANO di WELFARE AZIENDALE, quali VANTAGGI PER L’AZIENDA? 

Con Welfare Aziendale si intende un paniere di beni e servizi che l’Azienda mette a disposizione per il sostegno del Benessere del Dipendente.

Con un Piano di Welfare Aziendale studiato ad hoc l’Azienda  ha la possibilità di:

  • ottenere un vantaggio economico significativo, aumentando al contempo il potere d’acquisto del Dipendente grazie alla defiscalizzazione prevista dagli artt. 51 e 100 del TUIR;
  • dimostrate ai propri Dipendenti quanto l’Azienda tenga al Benessere del singolo Lavoratore migliorando la capacità di trattenere ed attrarre Risorse e Talenti;
  • incrementare la produttività aziendale;
  • ridurre il turnover;
  • migliorare la reputazione aziendale interna e sul territorio;
  • migliorare il clima lavorativo all’interno dell’azienda;
  • definire politiche retributive allineate alle esigenze della popolazione aziendale;
  • migliorare i rapporti con i sindacati.

PERCHE’ SCEGLIERE LIFE IN ?

Life in S.p.a, grazie ad un team composto da professionisti specializzati nella gestione delle risorse umane, costantemente aggiornati sugli sviluppi del mondo del Welfare e delle politiche innovative di gestione del personale è in grado di fornire alle Aziende il supporto necessario allo sviluppo di un Piano Welfare Aziendale sia in caso sia prevista tale disposizione da contratto nazionale, che in caso l’azienda intenda erogarlo a titolo di contributo liberale.

Life in, supporta e affianca le Aziende in tutte le fasi del progetto fornendo un’assistenza tempestiva per ogni necessità, anche grazie alla piattaforma Happily attraverso la quale, il Datore di Lavoro e ogni singolo Dipendente possono in autonomia amministrare le proprie richieste in termini di beni e servizi, il tutto esclusivamente on-line.

Il Dipendente, sia somministrato che assunto direttamente dall’azienda può attraverso la nostra piattaforma Happily, richiedere l’erogazione di beni e servizi. Tutte le richieste vengono prese in carico dai consulenti Life in che suggeriscono la formula più soddisfacente per il Dipendente  e allo stesso tempo consona alle disponibilità aziendali.

I punti di forza della consulenza Life in sono:

  • la gestione completa dei piani di Welfare aziendale;
  • una piattaforma intuitiva che solleva l’Azienda dagli oneri gestionali;
  • la produzione di report e statistiche;
  • la possibilità di scegliere liberamente le strutture nazionali preferite per l’erogazione dei servizi;
  • un’offerta calibrata per le PMI e costi chiari;
  • un Network professionale accreditato.

In allegato il Flyer Spendibilità dove sono illustrati i beni e servizi previsti dalla piattaforma che l’Azienda può mettere a disposizione del proprio dipendente, in tema di: Previdenza e Sanità integrativa, Fringe Benefits, Istruzione, Tempo Libero. 

FLYER

Se sei interessato ad un’offerta calibrata sulla base delle esigenze della tua azienda o anche solo desideri approfondire le alternative disponibili e vuoi capirci di più, invia una mail con i tuoi riferimenti a info@lifein.it  mettendo come oggetto “Servizio Welfare” e sarai ricontattato al più presto dalla nostra Responsabile Welfare.

 

 

 

 

 

Piano di Welfare Aziendale. Life in ti aiuta a realizzarne uno ad hoc!

Nell’ottica di garantire un servizio più completo ed efficiente per i propri clienti, Life in mette a disposizione le proprie risorse e professionalità per sviluppare una piano di welfare aziendale personalizzato, che rispetti caratteristiche, obiettivi e necessità delle aziende clienti, e offra concreti benefici sia da un punto di vista retributivo e fiscale sia da un punto di vista organizzativo e di miglioramento del clima aziendale.

Welfare Blog

COS’E’ IL WELFARE AZIENDALE E QUALI VANTAGGI PORTA?

Il welfare aziendale costituisce un insieme di benefit e prestazioni che consentono di superare la componente meramente monetaria della retribuzione, al fine di sostenere il reddito dei dipendenti e dei loro familiari e migliorarne la vita privata e lavorativa.

Benefici del Welfare aziendale:

  • Contenimento e pianificazione del costo del lavoro

  • Aumento del potere di acquisto dei dipendenti

  • Ottimizzazione dell’impatto contributivo e fiscale

  • Miglioramento del clima aziendale

  • Maggior motivazione del personale presente in azienda e riduzione dell’assenteismo

  • Aumento della produttività e miglioramento delle relazioni sindacali

 

COME LIFE IN TI PUO’ AIUTARE

I servizi offerti da Life in per l’attuazione di un piano aziendale sono:

1) BUONI PASTO

Il Buono pasto erogato dall’azienda ai dipendenti consente agli stessi, quali titolari beneficiari di accedere al servizio sostitutivo della mensa per l’importo pari al valore facciale. I Buoni pasto non sono cedibili, commercializzabili, cumulabili o convertibili in denaro e sono utilizzabili per l’intero valore facciale; sono spendibili presso aziende che svolgono le seguenti attività: somministrazione di alimenti o bevande; cessione di prodotti di gastronomia pronti per uso immediato (come rosticcerie, gastronomie artigianali e assimilati) ed esercizi di vendita legittimati a vendere prodotti appartenenti al settore merceologico alimentare. In sostanza il buono pasto può essere utilizzato presso ristoranti e tavole calde, nonché presso la Grande distribuzione. I Buoni pasto non concorrono a formare il reddito di lavoro dipendente fino all’importo complessivo giornaliero di € 5,29.2

2) BUONI ACQUISTO

Si tratta di buoni di acquisto che possono essere acquistati in vari ambiti ed in particolare:

  • Acquisto per i dipendenti (Fringe benefit) in regime di esenzione da contribuzione
  • (Art. 51 comma 3 TUIR) fino a concorrenza di un valore economico pari a 258,00 euro/anno e non concorrono a formare reddito.
  • Acquisto come omaggi  (Art. 108 Comma 2 TUIR  – Omaggistica aziendale) con piena deducibilità fino ad un tetto massimo di 50,00 euro di valore
  • Acquisto come spese rappresentanza consente percentuali di deducibilità differenziate entro i valori economici (plafond di deducibilità) di seguito riportati:
  • 1,5% dei ricavi e altri proventi fino a 10 milioni di euro
  • 0,6% dei ricavi e altri proventi per la parte eccedente 10 milioni e fino a 50 milioni di euro
  • 0,4% dei ricavi e altri proventi per la parte eccedente 50 milioni di euro

I tagli disponibili: 5-10-20-25-50 euro ed i buoni hanno Validità 12 mesi con possibilità, entro 30 giorni di riemissione dei voucher scaduti. Life in si occupa della gestione dell’ordine fino alla distribuzione dei voucher direttamente ai lavoratori. Il punto di forza del Buono acquisto è l’articolata rete di spendibilità che consente un impiego versatile sia nei confronti dei dipendenti e sia su clienti (operazioni e concorsi a premio), attraverso una rete di operatori di circa 10mila esercizi distribuiti sul territorio nazionale presenti nei principali settori merceologici: spesa, profumerie, abbigliamento, negozi di elettronica, sport e grande distribuzione e stazioni di carburante (solo stazioni ERG). I costi delle attività e la gestione della rete sono coperti da una commissione che varia in base ai volumi acquistati e che non supera il 6 % del valore nominale.

3) VOUCHER

Grazie alla Legge di stabilità 2016, che ha favorito fiscalmente l’erogazione da parte delle aziende di servizi e welfare ai lavoratori e ai loro familiari, il Voucher universale è divenuto una realtà anche in Italia. Life in propone i Voucher quale soluzione che consente ai propri lavoratori somministrati di scegliere tra numerosi servizi per sé e la famiglia nell’ambito dell’ istruzione dei figli (testi scolastici, rette, tasse di frequenza, mense); cura dei familiari (baby sitter, badanti, campus scolastici, baby parking, ludoteche, centri diurni, case di cura e riposo); sport e benessere (palestre , piscine, centri sportivi e termali, centri medici e dentistici); tempo libero (viaggi, parchi tematici, spettacoli); cultura e formazione (corsi di lingue, tempo libero, personali e professionali). Questo strumento è applicabile nel caso di conversione di un premio di risultato nei limiti di 3.000 euro, incrementabile a 4.000 euro ove presenti forme partecipative dei lavoratori, percepito da un dipendente con un reddito annuo lordo non superiore ad € 80.000 . Il lavoratore ha la possibilità di scegliere se percepire il premio di risultato come somma in busta paga, tassabile al 10 %, oppure quale sostituzione integrale o parziale sotto forma di servizi welfare negli ambiti sopra indicati interamente non tassati (nei limiti dell’art.51 Tuir).

Infine Life in può implementare piani welfare integrando la struttura retributiva con l’erogazione liberale di benefit che maggiormente soddisfano le esigenze dei propri dipendenti somministrati con il limite del 5 x 1.000 del costo del lavoro dell’azienda cliente. I costi delle attività e la gestione della rete sono coperti da una commissione che varia in base ai volumi acquistati e che non supera il 6 % del valore nominale.

4) FORMAZIONE CONTINUA

Life in, mediante la Società Efil, può creare per i lavoratori somministrati presso le proprie aziende clienti dei percorsi formativi professionalizzanti attraverso Forma.Temp.

La formazione Continua comprende le iniziative mirate al soddisfacimento delle esigenze di formazione dei lavoratori assunti in somministrazione a tempo determinato e fa riferimento a modelli che permettano la realizzazione di obiettivi quali l’anticipazione dei bisogni, la riqualificazione, l’aggiornamento e l’adattamento professionale. Le iniziative sono volte all’adeguamento delle qualificazioni con l’evoluzione delle professioni e dei contenuti delle mansioni, al miglioramento delle competenze e all’acquisizione di qualificazioni indispensabili per rafforzare la situazione competitiva delle imprese e del loro personale. Il fine è quello di evitare l’invecchiamento delle qualificazioni in possesso dei lavoratori e prevenire nello stesso tempo le conseguenze negative degli effetti che ciò potrebbe determinare nel mercato del lavoro del settore, in particolare adeguando la formazione alle diverse esigenze che vengono richieste dai settori e dalle imprese in corso di ristrutturazione organizzativa, economica e tecnologica. A tal fine, oltre all’acquisizione delle competenze aggiuntive e a carattere specialistico sopra indicate, è auspicabile che i destinatari della formazione Continua acquisiscano competenze trasversali, essenziali al fine di produrre un comportamento professionale in grado di trasformare un sapere tecnico in una prestazione lavorativa efficace garantendo l’occupabilità dei lavoratori coinvolti.

I destinatari della formazione Continua sono:

  1. lavoratori in missione a tempo determinato o indeterminato in somministrazione che abbiano maturato almeno 2 mesi di lavoro negli ultimi 12 mesi;

  2. lavoratori in missione a tempo determinato o indeterminato in somministrazione al di fuori dell’orario di lavoro nei limiti previsti dal CCNL per il settore delle Agenzie di somministrazione di lavoro;

  3. lavoratori in attesa di missione che abbiano avuto un contratto a tempo determinato o indeterminato in somministrazione di almeno 30 giorni negli ultimi 12 mesi e che siano disoccupati da almeno 45 giorni;

  4. lavoratori in attesa di missione che abbiano avuto un contratto a tempo determinato o indeterminato in somministrazione di almeno 5 mesi (110 giorni) e che siano disoccupati da almeno 45 giorni;

  5. lavoratori che, a seguito di infortunio durante la missione a tempo determinato o indeterminato in somministrazione, presentino riduzioni di capacità lavorativa per le quali occorre una formazione riqualificante al fine di una reinserimento lavorativo;

  6. lavoratrici madri che, alla conclusione del periodo di astensione obbligatoria o facoltativa, non abbiano una missione attiva per il rafforzamento dell’occupabilità a condizione che abbiano maturato almeno 30 giorni di lavoro a tempo determinato o indeterminato in somministrazione negli ultimi 12 mesi antecedenti al periodo di astensione.

“Prossimi alla pensione? In arrivo le misure per la riduzione dell’orario di lavoro con costi spalmati tra lavoratore, datore e Stato”

Si tratta di una misura pensata dal legislatore per incentivare economicamente la riduzione dell’orario di lavoro nei confronti dei lavoratori prossimi al pensionamento in un quadro di flessibilità dell’uscita dal mondo del lavoro con costi spalmati tra lavoratore, datore e Stato.

È stato pubblicato sulla Gazzetta Ufficiale n. 115 del 18 maggio 2016 il Decreto 7 aprile 2016 del Ministro del Lavoro, di concerto con il Ministro dell’Economia e delle Finanze, con il quale trova attuazione la misura prevista dall’art. 1, comma 284 della Legge di Stabilità 2016 come modificato dall’art. 2-quater, comma 3 del DL n. 210/2015) che agevola la riduzione dell’orario di lavoro per i lavoratori prossimi alla pensione.

Mani lavoratore pensione

Il datore di lavoro che acconsente alla trasformazione delrapporto dovrà, infatti, sobbarcarsi parte degli oneri e corrispondere in busta paga al lavoratore una somma pari alla contribuzione pensionistica che sarebbe stata a carico di quest’ultimo (relativa alla prestazione lavorativa non effettuata). La somma, però, verrà  trattata in modo particolare dato che questo importo non concorrerà né alla formazione del reddito da lavoro dipendente, né sarà assoggettato a contribuzione previdenziale.

Lo Stato, dal canto suo, provvederà al riconoscimento della copertura pensionistica figurativa per la quota di retribuzione perduta. Il lavoratore subirà, del pari, una perdita di retribuzione dovuta alla riduzione dell’orario di lavoro.

QUALI SONO I LAVORATORI DESTINATARI DI QUESTA MISURA:

Rientrano nel campo di applicazione della norma tutti i lavoratori dipendenti a tempo pieno e indeterminato di aziende di qualsiasi dimensione, anche con meno di 15 dipendenti, operanti nel settore privato indipendentemente dal fondo previdenziale di iscrizione e che:

  • Abbiano maturato i requisiti minimi di contribuzione per il diritto alla pensione di vecchiaia;
  • Maturino entro il 31 dicembre 2018 il requisito anagrafico per il conseguimento del diritto al trattamento pensionistico di vecchiaia (art. 24, comma 6, DL n. 201/2011).

Cioè devono possedere 66 anni e 7 mesi di età entro il 31 dicembre 2018 e devono avere almeno 20 anni di contributi al momento della trasformazione del rapporto di lavoro in part-time.

Si ritiene, inoltre, che vi possano rientrare anche i lavoratori delle Poste e delle Ferrovie dello Stato i cui rapporti lavorativi sono stati oggetto della privatizzazione negli anni ’90Non vi possono accedere, invece, i dipendenti del pubblico impiego.

 

IN COSA CONSISTE IL BENEFICIO PER IL LAVORATORE:

Il beneficio consiste in:

  • possibilità, previo accordo con il datore di lavoro, di trasformare il rapporto di lavoro da tempo pieno a tempo parziale con riduzione dell’orario di lavoro in misura compresa tra il 40% ed il 60%;
  • corresponsione mensile, da parte del datore di lavoro, di una somma pari alla contribuzione previdenziale ai fini pensionistici a carico del datore di lavoro relativa alla prestazione lavorativa non effettuata. Tale somma è omnicomprensiva, non concorre alla formazione del reddito da lavoro dipendente, non è assoggettata a contribuzione previdenziale, ivi inclusa quella relativa all’assicurazione contro gli infortuni sul lavoro e le malattie professionali;
  • riconoscimento della contribuzione figurativa commisurata alla retribuzione corrispondente alla prestazione lavorativa non effettuata in ragione del contratto di lavoro a tempo parziale agevolato. Questa incentivazione, che rappresenta la parte più importante di spesa pubblica destinata all’intervento, è finalizzata ad evitare che la trasformazione del rapporto di lavoro abbia una incidenza negativa sulla misura del trattamento pensionistico.

RIEPILOGANDO:

LAVORATORE Ottiene una riduzione dell’orario di lavoro tra il 40% e il 60% dell’orario a tempo pieno. La perdita della retribuzione è temperata però dal trasferimento in busta paga dei contributi versati dal datore di lavoro.
DATORE DI LAVORO Eroga in busta paga al dipendente i contributi previdenziali relativi alla prestazione lavorativa non effettuata che sarebbe stata a carico di quest’ultimo. Il datore in sostanza pagherà di più  su base oraria il rapporto di lavoro trasformato in part-time.
STATO Copre figurativamente ai fini della pensione la quota di retribuzione perduta dal lavoratore. In questo modo la pensione sarà erogata come se il rapporto non fosse mai stato trasformato in part-time.
CONDIZIONI L’accordo per la trasformazione del rapporto di lavoro può riguardare solo quei lavoratori a cui manchino non più di 3 anni alla pensione di vecchiaia. L’accordo riguarda solo i lavoratori dipendenti a tempo pieno e indeterminato del settore privato.

MODALITÀ DI AMMISSIONE AL BENEFICIO:

il lavoratore ed il datore di lavoro stipulano un contratto di lavoro a tempo parziale il quale deve contenere l’indicazione della misura della riduzione dell’orario di lavoro compresa tra il 40% e il 60% (c.d. contratto di lavoro a tempo parziale agevolato).

  • Prima della sottoscrizione il lavoratore deve acquisire apposita certificazione INPS comprovante il possesso dei requisiti minimi di contribuzione per il conseguimento del diritto al trattamento pensionistico di vecchiaia e della maturazione entro il 31 dicembre 2018 del requisito anagrafico per il conseguimento del diritto al predetto trattamento.
  • Il contratto di lavoro a tempo parziale agevolato deve essere trasmesso a cura del datore di lavoro alla Direzione territoriale del lavoro (DTL) competente per territorio. La DTL, previo esame delle previsioni contrattuali, rilascia entro cinque giorni lavorativi decorrenti dalla ricezione del contratto, il provvedimento di autorizzazione di accesso al beneficio. Decorso inutilmente il suddetto termine vale il silenzio assenso, pertanto il provvedimento di autorizzazione si intende rilasciato.

Una volta ottenuta l’autorizzazione della DTL o decorso inutilmente il termine di cinque giorni, il datore di lavoro è tenuto a trasmettere istanza telematica all’INPS, contenente:

  • il dato identificativo della certificazione INPS comprovante il possesso dei requisiti minimi per fruire del beneficio;
  • le informazioni relative al contratto di lavoro;
  • le informazioni necessarie ai fini della quantificazione dell’onere economico a carico dell’INPS (copertura della contribuzione figurativa).

L’Inps è tenuto ad accogliere o rigettare l’istanza telematica entro cinque giorni lavorativi decorrenti dalla ricezione stessa.

L’art. 2, comma 3 del Decreto in oggetto stanzia i fondi per la copertura dell’onere economico complessivo per contribuzione figurativa connesso al ricorso del part-time agevolato nelle seguenti misure:

  • 60 milioni di euro per l’anno 2016;
  • 120 milioni di euro per l’anno 2017;
  • 60 milioni di euro per l’anno 2018.

Qualora l’Inps, in sede di valutazione dell’istanza di accesso al beneficio, stimi il superamento del limite delle suddette risorse, anche per una sola annualità, lo stesso Istituto procederà al rigetto della domanda per esaurimento risorse.

Si tiene, inoltre, a precisare che non possono fruire del beneficio i lavoratori che sono già in part time e che intendano ridurre maggiormente l’orario di lavoro (né si ritiene possibile trasformare il rapporto di lavoro già in part time in un rapporto a tempo pieno per poi successivamente trasformare lo stesso contratto di nuovo in tempo parziale).

MISURA DEL PERIODO AGEVOLATO:

Gli effetti del contratto di part-time agevolato decorrono dal primo giorno del periodo di paga mensile successivo a quello di accoglimento, da parte dell’INPS, dell’istanza telematica di accesso al beneficio; a partire dal medesimo giorno viene accreditata la contribuzione figurativa. Come già evidenziato, il beneficio cessa, in ogni caso, al momento della maturazione, da parte del lavoratore, del requisito anagrafico per il conseguimento del diritto alla pensione di vecchiaia e qualora siano modificati i termini dell’accordo.

Il datore di lavoro è tenuto a comunicare all’INPS e alla DTL la cessazione del rapporto di lavoro a tempo parziale agevolato.

CONSIDERAZIONI FINALI:

In un’ottica più ampia, è possibile ritenere che con questa misura, il legislatore non abbia soltanto voluto incentivare economicamente i processi di riduzione di orario e una flessibilità dell’uscita dal mondo del lavoro per una certa tipologia di lavoratori, ma anche dare un’opportunità in più di applicare a livello aziendale una nuova forma di Welfare e Smart Working. Con la riduzione di orario dei dipendenti prossimi alla pensione, non solo si agevola la gestione del tempo dedicato alla persona e alla conciliazione tempi vita e lavoro, ma in una visione globale, si configura la riscoperta della funzione di supporto alla famiglia della figura dei nonni, che può fornire aiuto concreto nell’accudimento dei nipoti e che era andata un po’ scomparendo a causa dell’innalzamento dell’età  pensionabile e della consistente entrata delle donne nel mondo del lavoro.

Inoltre, l’incentivazione di questa tipologia di part-time, può dare nuovo stimolo all’assunzione di ulteriore personale per sopperire ad una perdita dell’attività lavorativa, in termini di ore/lavoro, previamente svolta dal lavoratore prossimo alla pensione, o ad agevolare la trasformazione da full time a part time di altri dipendenti del comparto aziendale, che necessitino di una riduzione di orario per la conciliazione tempi lavoro e famiglia. Si pensi soltanto ai vantaggi per le lavoratrici madri, che sempre più spesso abbisognano di ricorrere a questa formula lavorativa per conciliare tutti gli impegni quotidiani.